fbpx

As of August 6, visitors must present an EU Covid Certificate (Green Pass) to access the museum venues. Please check our safety measures and our ticketing policy.

STORIE DI ARTISTI

Sei artisti raccontati da Aurelio Amendola



 

Pistoia Musei, in partnership con Sky Arte, presenta STORIE DI ARTISTI. Sei artisti raccontati da Aurelio Amendola, una mini-serie dedicata a sei protagonisti dell’arte contemporanea visti attraverso le immagini e i racconti di Aurelio Amendola.

Nell’attesa di poter tornare a vivere gli spazi espositivi, Pistoia Musei in collaborazione con Sky Arte, propone una mini-serie legata alla mostra Aurelio Amendola. Un’antologia, in corso negli spazi espositivi del sistema museale.  Sei video-pillole – una ogni sabato sui siti web e sui canali social di Pistoia Musei e Sky Arte – dedicate ad alcuni degli artisti con i quali Amendola ha lavorato nel corso della sua lunga carriera, stringendo con loro rapporti di profonda stima e amicizia. Un racconto intimo e personale che, attraverso lo sguardo ironico e vivace di Aurelio Amendola, svela dettagli insoliti, episodi curiosi e momenti di vita privata.

Sei puntate che ci accompagneranno per tutto il mese di maggio alla scoperta di sei artisti, sei giganti del mondo dell’arte con personalità molto diverse tra loro: sabato 24 aprile la prima puntata con Marino Marini, per continuare poi con Giorgio de Chirico, Alberto Burri, Andy Warhol, Claudio Parmiggiani, e Jannis Kounellis.

La mini-serie è prodotta da Pistoia Musei, realizzata da Metilene Design e Comunicazione e distribuita in collaborazione con Sky Arte.

 

Marino Marini

In questa prima puntata Aurelio Amendola racconta le origini della sua carriera grazie all’incontro con l’artista pistoiese Marino Marini. Un sodalizio artistico che gli permette di sperimentare e di formarsi nella professione di fotografo d’arte, imparando a utilizzare la luce per far emergere particolari scultorei insoliti e inosservati, ed entrare poi in contatto con il mondo dell’arte contemporanea, conoscendo artisti e collezionisti che gravitano nella cerchia di Marino, da Peggy Guggenheim a Henry Moore e Marc Chagall.


in onda da sabato 24 aprile 2021
Guarda adesso

Giorgio De Chirico

Dopo la prima puntata dedicata allo scultore pistoiese Marino Marini, STORIE DI ARTISTI ci porta a Venezia, nel 1972, per passeggiare in piazza San Marco insieme a Giorgio de Chirico.
Il ritratto, divertentissimo, che Amendola ci restituisce è quello di un uomo singolare, spiritoso e geniale. Nell’atmosfera barocca e fiammeggiante di una città lagunare carica di colori e merletti, affollata da turisti e colombi, si muove l’inconfondibile profilo del maestro della metafisica. Superstizioso, con un grappolo di amuleti attaccati alla cintura, Giorgio de Chirico passeggia per le calli veneziane aspettando di essere riconosciuto e fermato per dispensare autografi e battute.
Amendola scatta a de Chirico una serie di foto straordinarie e divenute iconiche, come quella in gondola di fronte a Palazzo Ducale o quella in cui tiene per mano una giovane sposa bianchissima e sorridente: “È una foto metafisica!”


in onda da sabato 1 maggio 2021
Guarda adesso

Alberto Burri

Alberto Burri è stato l’artista contemporaneo che più ha segnato il percorso professionale di Amendola, che gli era legato da un fortissimo sentimento di affetto e amicizia. Nato a Città di Castello nel 1915, laureato in medicina, Burri vive l’esperienza del secondo conflitto mondiale. È proprio durante la prigionia in Texas che sviluppa la sua visione creativa, divenendo poi la figura di riferimento dell’Informale e caratterizzandosi come abile sperimentatore nell’utilizzo di materiali insoliti, come catrami, muffe, sacchi di iuta e plastica.
Attraverso le parole affettuose e commosse di Amendola, scopriamo un artista schivo e rigoroso ma anche generoso e leale, contraddistinto da una fervente passione calcistica! Dal primo incontro a Roma alla serie fotografica delle Combustioni – ormai divenuta leggendaria – fino al viaggio a New York nel 1978 per la mostra al Guggenheim Museum sulla Quinta Strada e al Grande Cretto di Ghibellina. Un racconto, quello del fotografo toscano, che come sempre stupisce per autenticità e unicità delle esperienze vissute, delle quali anche lo stesso protagonista, ricordandole, spesso si sorprende.


in onda da sabato 8 maggio 2021
Guarda adesso

Andy Warhol

“Parlaci tu Aurelio, che la segretaria di Warhol è di Padova!” Nella quarta puntata della mini-serie dedicata ad alcuni dei protagonisti dell’arte contemporanea, Aurelio Amendola descrive il suo viaggio americano e l’emozione dell’incontro con l’icona della pop art Andy Warhol. Un racconto che è allo stesso tempo stupefacente e divertentissimo, nel quale il fotografo ci rivela la genesi di quegli scatti e il suo orgoglio, un po’ incredulo, per essere stato l’unico fotografo dal 1976 alla morte di Warhol a essere ammesso alla Factory per ritrarlo.Così Eike D. Schmidt descrive quelle fotografie: “Nel ritratto di Andy Warhol di Aurelio Amendola si esprime al diapason l’incontro tra i due artisti, che dai ricordi dello stesso Amendola sappiamo essersi svolto senza scambi di parole, per via della barriera linguistica, seguendo comunque la dinamica della divisione dei ruoli tra regista e attore. E così, sorprendentemente, il protagonista più dissacrante della pop-art, che pure aveva intriso di colori fluorescenti il ritratto proprio e altrui, viene immerso nei rigori del bianco e nero, e trasfigurato in una dimensione quasi mistica”.


in onda da sabato 15 maggio 2021
Guarda adesso

Claudio Parmiggiani

“Nel silenzio tu sentivi queste botte nei vetri che cascavano, era una musica!” Così Aurelio Amendola ricorda la performance di Claudio Parmiggiani che nel 2003, vestito da palombaro, distrugge a martellate il suo Labirinto di vetri realizzato per la Galleria d’Arte Moderna di Bologna. Amendola è lì con lui e documenta fotograficamente quel momento di distruzione/creazione dell’opera d’arte, rimanendone affascinato. Claudio Parmiggiani, che è il protagonista della quinta puntata della mini-serie dedicata ad alcuni dei più grandi artisti del nostro tempo, scrive infatti: “Un’opera deve essere violenta. Deve essere come un pugno nello stomaco. Silenziosa ma dura, dura ma silenziosa, come un fuoco sotto la cenere, oscura, ringhiosa.”


in onda da sabato 22 maggio 2021
Guarda adesso

Jannis Kounellis

L’ultima video-pillola è un omaggio al grande artista greco Jannis Kounellis, tra i più importanti esponenti dell’arte povera, scomparso nel 2017.
“Con lui – racconta Amendola – mi piaceva come fotografare le sculture, come fotografare Marino e come fotografare Michelangelo: la stessa emozione”.
Nel video Amendola racconta anche le circostanze che lo hanno portato a firmare un’opera dello stesso Kounellis. Così Marco Meneguzzo, curatore della mostra, descrive quest’insolito episodio: “Amendola fotografa un’opera di Jannis Kounellis, consistente in una giovane donna di profilo, seduta, nuda e incinta, inserita in una sorta di cornice. Kounellis vede la foto di Amendola e la firma assieme a lui. Un pensiero superficiale direbbe che, essendo un’opera sua, può permettersi di firmarla, ma non è così, perché il pensiero dell’artista è invece un tributo al fotografo: vede un’opera nuova che ha qualche assonanza con la sua e decide di firmarla, di fatto aggiungendo al proprio catalogo generale un’opera a quattro mani con Aurelio Amendola. L’opera, cioè, non è più di Kounellis: è ‘anche’ di Kounellis…”


in onda da sabato 29 maggio 2021
Guarda adesso

Pistoia Musei

Pistoia Musei